Arancia meccanica, rapinatore marocchino perde documenti durante pestaggio

20-01-2014


Il Messaggero

OSIMO – Bandito perde il portafoglio durante la rapina in casa a Osimo e viene arrestato. In manette, dopo un inseguimento, tutta la gang. Nuova operazione vincente degli efficientissimi carabinieri di Osimo, vera punta di diamante della Legione carabinieri Marche. Questa notte i militari del capitano Raffaele Conforti hanno sgominato una pericolosa gang marocchina. Curiosa la modalità che ha permesso di far scattare la retata: un rapinatore ha perso il portafogli durante il colpo ed è stato arrestato dai carabinieri dopo essere tornato indietro a recuperarlo.

E’ successo a Osimo Stazione, alle ore 02,30 circa. Il rapinatore sbadato è Mohammed Abouali, nato in Marocco, 25 anni, residente a Velletri (Roma), celibe, venditore ambulante, pregiudicato, in regola con il permesso di soggiorno. Insieme ad altri tre complici stranieri provenienti da Velletri e giunti a Osimo a bordo di una Bmw di colore grigio, si presentava, nella trada serata di ieri presso il garage di un 45enne osimano, residente in Osimo Stazione, autotrasportatore, con l’hobby della riparazione e vendita on-line di cellulari usati, quest’ultimo contattato precedentemente via internet per l’acquisto di alcuni telefoni.

I quattro marocchini, fingendosi interessati all’acquisto di alcuni costosi telefoni di ultima generazione e approffitando della distrazione dell’uomo, lo aggredivano violentemente percuotendolo alle spalle e alla testa riuscendo ad immobilizzarlo e rubandogli alcune buste contenenti 280 telefoni cellulari riparati, del valore di 6.000 euro. Dopo averlo imbavagliato, i tre rapinatori si davano a precipitosa fuga. Nel corso della colluttazione, uno dei malfattori, identificato successivamente per Abouali, smarriva sul luogo del delitto il proprio portafoglio contenente documenti d’identità.

La vittima riuscita a liberarsi dava l’allarme al 112 e a seguito di intervento dell’autoradio in turno venivano diramate le immediate indagini e ricerche. Grazie all’immediatezza dell’intervento e alla collaborazione della vittima rapinata, veniva prontamente rintracciato e sorpreso Abouali, il quale preoccupato di aver perso il portafoglio nel corso della colluttazione nella rapina compiuta, temendo di essere identificato, era ritornato sul posto per recuperare il suo portafoglio, ma veniva accolto, bloccato e arrestato dai carabinieri intervenuti.

Gli altri tre complici, rimasti sull’autovettura, avendo notato la scena a distanza, si dileguavano fuggendo a bordo della Bmw in direzione sud. Pertanto, ritenendo che i rapinatori fossero in fuga verso Roma, venivano diramate le ricerche ai comandi Arma competenti territorialmente lungo la direttrice autostradale e alle competenti Polizie Stradali. Tale coordinamento aveva successo in quanto la Polizia Stradale di Avezzano, in località Arsoli, sulla A/24, riusciva ad intercettare e bloccare l’autovettura segnalata con a bordo tre individui di origine marocchina. Costoro, sottoposti a perquisizione sul posto, venivano trovati in possesso della refurtiva, interamente recuperata e con il conseguente sequestro del veicolo. Tutti i marocchini sono stati arrestati.

ARTICOLI CORRELATI

Ancona, EVIDENZA

RSS Feed Widget

Comments are closed.