AMBULANTE MAROCCHINO GLI STACCA ORECCHIO A MORSI

06-08-2017

Brutto episodio questa mattina nei pressi della spiaggia di Sant’Agostino. Protagonisti due fratelli, venditori ambulanti, di origine marocchina. Stazionavano sotto il ponte della Flacca, luogo di ritrovo per extracomunitari che vi trascorrono la notte per poi recarsi appena fa giorno sull’arenile ad esporre la propria mercanzia con i carretti. Ma questa volta qualcosa è andato storto. Secondo alcune testimonianze i due avrebbero litigato pesantemente per una bancarella, tanto che uno dei due si è avventato sull’altro staccandogli un lobo dell’orecchio a morsi. Sul posto sono intervenuti gli agenti di polizia di gaeta guidati dal commissario Maurizio Mancini che, dopo aver riportato la calma, hanno denunciato l’aggressore a piede libero per lesioni.

http://www.ilgazzettino.it/italia/cronaca_nera/lite_tra_ambulanti_in_spiaggia_addenta_e_stacca_il_lobo_dell_orecchio_al_fratello-2603138.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Latina

RSS Feed Widget

2 comments on “AMBULANTE MAROCCHINO GLI STACCA ORECCHIO A MORSI

  1. mann333 scrive:

    Per prima cosa volevo rivelare il Linguaggio INAPPROPRIATO per indicare questo verme, Non è di origine Tunisino ma solo, Tunisino a tutti gli effetti. Poi parlano di questo “commercio” abusivo come se fosse un qualcosa di legale, non pagano Tasse con sono Assicurati e nient altro, allora bisogna chiamarli per quel che sono, abusivi illegali, e basta con questo buonismo Italiano di ipocrita di merda

  2. mann333 scrive:

    A poi avevo dimenticato nel commento precedente di scriverlo, Denunciato a piede Libero, come se fossero in possesso di tutti i recuisiti per lasciare in Libertà un presunto colpevole. Allora per mettere a piede Libero una persona deve far si che questo sia in possesso di un omicidio Ufficiale e non sto da questo o quell amico ed essere in possesso di Documenti di Identità, io mi giocherei i Gioielli se questi hanno i requisiti richiesti. Ma noi siamo Italiani cioè coloro che la Legalità se la mettono in quel posto.

Lascia un commento