“Allah Akbar”, sputi testate e morsi ai carabinieri

24-01-2016

Attimi di paura in autobus. Come riportano i quotidiani locali, sabato mattina, attorno alle 7.15, i carabinieri sono dovuti intervenire a Spinea per arrestare, non senza difficoltà, E.R., 35enne francese di origini magrebine, che, in escandescenze, stava impedendo ad un pullman di partire. Vestito solo di camicia, trasandato e dall’odore sgradevole, non avrebbe usato la violenza con nessuno dei passeggeri che aspettavano di partire, ma avrebbe comunque tenuto sotto scacco il mezzo Actv. Quelle parole urlate a gran voce poi, “Allah Akbar”, “Allah è grande”, sarebbero bastate per intimorire tutti i giovani che stavano solo aspettando di recarsi a scuola.
Giunti sul posto dopo essere stati allertati dal conducente del bus, i militari dell’Arma hanno dovuto richiedere l’intervento di una seconda volante per riuscire a fermare l’uomo, fuori di sé e probabilmente alterato, che aveva cominciato ad aggredirli con sputi, testate e morsi. Con l’aiuto dei rinforzi, i carabinieri sono riusciti ad immobilizzare il francese, ammanettandolo e conducendolo prima di forza alla caserma di via Baseggio e contattando poi il 118. Al pronto soccorso di Mirano è stato quindi sedato e sottoposto a tutti gli accertamenti del caso. Due i pubblici ufficiali rimasti feriti: per loro 4 e 7 giorni di prognosi.
Nel pomeriggio di sabato l’uomo è stato processato per direttissima, con le accuse di oltraggio, violenza e resitenza a pubblico ufficiale, danneggiamento, interruzione di pubblico servizio e rifiuto di comunicare la propria identità. La condanna parla di 4 mesi e 20 giorni di reclusione, ma le indagini sono tuttora in corso per capire se il 35enne possa avere qualche legame con cellule estremiste.

http://www.veneziatoday.it/cronaca/aggressione-autobus-spinea-23-gennaio-2016.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Venezia

RSS Feed Widget

Lascia un commento