Africano senza biglietto pesta autista: vittima all’ospedale, migrante libero

11-11-2017

Grave episodio di violenza in Stazione, ancora un’aggressione ad un dipendente BusItalia Veneto.
Questa volta i due controllori l’hanno fatta franca, ad avere la peggio è stato l’autista. Malmenato senza pietà con calci e pugni da un africano senza biglietto risultato poi proveniente dal Togo, 37 anni.
E’ stato portato in caserma ma poi subito rilasciato.
Nulla sembra poter fermare questa scia di violenza che si è particolarmente accentuata in questi ultimi mesi negli autobus.
In contemporanea con una politica aziendale che ha intensificato i controlli per cercare di arginare il fenomeno, che riguarda una tipologia particolari di utenti, che non si sogna di comperare il biglietto, o comunque di obliterarlo. L’ennesimo episodio increscioso è accaduto ieri, verso le 18.30 sul piazzale della Stazione, all’interno del bus della linea urbana 10 che collega Sarmeola e il centro commerciale “Le Brentelle” al centro città.
Quando l’autobus arriva in stazione due controllori, un uomo e una donna, si mettono di fronte all’uscita del mezzo e controllano biglietti e abbonamenti di chi scende. Arriva il turno di un giovane di colore che dice di non avere il biglietto e nemmeno i documenti. I due controllori, un uomo e una donna sono in difficoltà.
Arriva l’autista che gli chiede di mostrare un documento. Lui prova a fuggire ma l’autista lo blocca. Per liberarsi allora l’africano inizia a sferrare calci e pugni. In suo soccorso arrivano una ventina di connazionali presenti nel piazzale della Stazione. La situazione inizia a farsi pesante e qualcuno chiama i carabinieri che arrivano
con due pattuglie in pochi minuti. Nella gazzella sale l’africano e pure i due controllori, in qualità di testimoni. Il 37enne poi viene rilasciato.
L’autista ferito viene portato al pronto soccorso dov’era ancora trattenuto per medicazioni.

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Padova

RSS Feed Widget

One comment on “Africano senza biglietto pesta autista: vittima all’ospedale, migrante libero

  1. mann333 scrive:

    Come abbiamo ben potuto constatare dalla lettura dell articolo integrale del giornale il verme escremento é stato prontamente rilasciato dopo aver controllato le sue “”nobili”” provenienze; Io mi chiedo cosa succederebbe se il prossimo Autista lavoratore serio ed Onesto avendo paura di essere il prossimo a subbire questi sopprusi. maltrattamenti. aggressioni da parte del prossimo negro bastardo. come dicevo cosa succederebbe se un prossimo Autista per paura di essere menato si procurasse una Pistola per potersi difendere e in quel caso sparerebbe al negro aggressore o Olivastro. Cosa dovrebbe sopportare in conseguenza quella Brava persona lavoratore Italiano? Italiani in Italia non lasciate soli quegli Italiani che si armano e sparano per difendere le loro Famiglie e beni frutto di tanti Anni di sacrifici mentre sono nelle loro case. o mentre svolgono con Onestà il loro Lavoro come in questo caso l Autista di mezzi Pubblici al servizio degli altri Onesti Cittadini

Lascia un commento