Accoltella il figlio intervenuto in difesa della madre, arrestato

11-04-2015

Poco dopo l’una di questa notte giunge, sulla linea 113, la chiamata di soccorso da parte di un uomo che riferisce di trovarsi in via Libeccio, località Bicchio, di aver avuto una violenta lite e di essere stato ferito al volto. Immediatamente è stata inviata sul posto una Volante del commissariato di Viareggio che ha trovato l’uomo ancora in strada: il suo volto era una maschera di sangue.

Mentre veniva richiesto l’intervento di un’ambulanza la vittima ha riferito agli agenti che, poco prima, mentre si trovava nella roulotte con i genitori, il padre, per futili motivi, aveva iniziato a litigare con la madre. La lite era degenerata e il capo famiglia aveva impugnato un grosso coltello da cucina minacciando di morte la donna. A questo punto il giovane, figlio della coppia, era intervenuto in difesa della madre sovrapponendosi fra i due, ma il padre gli si era scagliato contro con inaudita violenza, sferrandogli un fendente al volto, prendendolo a pugni, calci e schiaffi finché non il ragazzo non è riescito a divincolarsi e a scappare in strada per chiamare il 113.

I poliziotti, nella roulotte, hanno trovato l’uomo con ancora in mano il coltello sporco di sangue. Lo hanno, così, disarmato senza che opponesse resistenza e tratto in arresto.

L’uomo è Ghician Copalea, quarantunenne rumeno, pregiudicato per reati contro il patrimonio, in particolare furto e ricettazione, che in mattinata è stato processato con rito direttissimo presso il Tribunale di Lucca.

Il figlio è stato dimesso dall’ospedale Versilia con una prognosi di sette giorni

http://www.lagazzettadiviareggio.it/cronaca/2015/04/accoltella-il-figlio-intervenuto-in-difesa-della-madre-arrestato-dalla-polizia/

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, Viareggio

RSS Feed Widget

Lascia un commento