Abusivo ruba auto e investe una donna: aveva rifiutato di ‘acquistare merce’

18-04-2015

MANCIANO. Che non si possa più stare tranquilli nemmeno a casa propria è una frase che si sente dire molto spesso e, forse, quello che è successo a Manciano nei giorni scorsi può esserne considerata la prova.

Era una giornata come tante e come tante altre volte un cittadino di Manciano è andato a prendere la moglie al lavoro e l’ha riportata a casa. È entrato nel cortile della sua abitazione e ha parcheggiato la sua auto davanti alla sua casa, dentro una proprietà privata.

L’uomo ha lasciato l’auto aperta con le chiavi nel quadro. «Quella macchina la usiamo tutti in famiglia – dice – non sta molto ferma davanti casa». E così, sapendo di doverla riprendere di lì a poco è entrato in casa senza nessuna preoccupazione.

Mentre i due coniugi sono entrati in casa, il campanello ha suonato e all’altro capo c’era un venditore ambulante che ha cercato di vendere la sua merce alla donna. La signora ha rifiutato, il venditore ha insistito, la donna è stata ferma nella sua decisione e l’uomo è andato via. Peccato, però, che il venditore non sia andato via da solo.

Sarà che, come dice il proverbio, l’occasione fa l’uomo ladro, fatto sta che il venditore dopo il rifiuto della donna ha deciso di allontanarsi a bordo dell’utilitaria parcheggiata nel cortile. Nessuno ha fatto caso alla scena, nemmeno i proprietari dell’auto che a tutto pensavano tranne che a una cosa del genere.

Il mancianese, dopo essersi intrattenuto in casa alcuni minuti, è uscito e sulla porta di casa tanto è stato il suo stupore quando ha visto che la macchina era sparita, volatilizzata nel nulla. «Non ho pensato me l’avessero rubata – dice ancora incredulo pensando all’accaduto – ho pensato a uno scherzo e sono andato a guardare nel parcheggio davanti casa ma nulla, la macchina non c’era».

L’uomo non ha fatto subito l’associazione “venditore ambulante – furto” ma piano piano nella sua mente l’ipotesi ha preso piede ed è andato a denunciare il fatto ai carabinieri di Manciano.

La conferma che l’auto era stato sottratta dal venditore il mancianese l’ha avuta solo verso le 20.30 della sera quando ha ricevuto una chiamata dai carabinieri di Scansano che lo avvertivano che la sua macchina era stata ritrovata.

Il fuggiasco era, infatti, arrivato fino a Scansano e qui, non pago del furto, aveva anche provocato un incidente: ha investito una donna del posto che è rimasta lievemente ferita. L’incidente ha permesso ai carabinieri di fermarlo e di accertare che l’auto fosse quella rubata fra le 14 e le 15 a Manciano. L’uomo è risultato essere un marocchino di 24 anni residente a Scansano. Agli esami alcolemici, l’uomo è risultato positivo. E’ stato denunciato.

Morale della favola, una macchina portata via sulla quale è stato fatto un danno da circa mille euro, un incidente, per fortuna, senza gravi conseguenze, una tappezzeria con un forte odore di alcool e una convinzione: «Mai più le chiavi nel quadro della macchina nemmeno nel parcheggio di casa mia».

L’uomo ha raccontato il fatto proprio per portare l’attenzione sul fatto che, anche in un paese tranquillo come Manciano, forse non si può più pensare di comportarsi come un tempo.

http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2015/04/18/news/ruba-l-auto-e-causa-un-incidente-preso-1.11258619

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Grosseto

RSS Feed Widget

Lascia un commento