A novant’anni pestata a sangue insieme alla famiglia da banda dell’Est

10-02-2014

Belve feroci, senza pietà, senza scrupoli. Per un po’ di soldi e qualche prezioso, hanno picchiato selvaggiamente, legato e imbavagliato un’anziana di novant’anni, la figlia e il genero.
L’uomo, che ha tentato di reagire ai quattro uomini incappucciati, è stato massacrato a colpi di spranga: ha riportato la frattura di due vertebre, un trauma cranico e ha il viso tumefatto. Ieri mattina, dal Carlo Poma dove ha ricevuto le prime cure, è stato portato in elisoccorso a Brescia e ricoverato in Neurochirurgia.
La notte di violenza folle si è consumata a Levata, in una villetta del nuovo quartiere residenziale di via Canneti. Bersaglio, la famiglia Signorelli, il marito Franco Adriano, 69 anni, ex titolare dello storico Bar Adriano di via Chiassi, la moglie Vanna Golfrè Andreasi, 68 anni e la madre di lei, Elsa, 89 anni.
I tre dividono la stessa abitazione: l’anziana al piano di sotto, figlia e genero al primo piano. Sono da poco passate le tre di notte. Il quartiere non è certamente isolato, le villette sono una addossata all’altra, ma a quell’ora chiaramente le strade sono deserte.
I malviventi sono una banda di quattro uomini, incappucciati, dell’Est Europeo. Entrano in casa facilmente, forzando una finestra sul retro. In un attimo sono nella stanza dell’anziana. Non hanno paura di essere scoperti, non hanno niente da perdere. Probabilmente sanno che in casa vivono tre persone di una certa età e l’allarme non c’è. Entrano nella stanza della novantenne senza tante premure, lei si sveglia e loro non stanno a perdere tempo: la trascinano giù dal letto, la scagliano a terra, poi prendono delle calze in un cassetto, la legano e la imbavagliano lì sul pavimento.

http://gazzettadimantova.gelocal.it/cronaca/2014/02/08/news/rapina-violenta-in-casa-tre-picchiati-a-sangue-1.8632298

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Mantova

RSS Feed Widget

One comment on “A novant’anni pestata a sangue insieme alla famiglia da banda dell’Est

  1. solemferens scrive:

    Cosa avrebbero saputo dire i Boldrini, Kyenge , e il venerando Napolitano e tutti i buonisti cattocomunisti delle ONLUS e i preti sempre pronti a invocare la misericordia verso i’fratelli immigrati bisognosi di accoglienza’ se uno dei malcapitati italiani avesse reagito almeno nella stessa maniera di quelle belve provenienti dall’Est? Con quali epiteti li avrebbero bollati? e cosa avrebbe fatto la Magistratura sempre pronta a difendere Caino e a lasciare Abele al suo destino?

Lascia un commento