Africani assaltano treno a sassate, terrore tra i passeggeri: spray urticante contro la capotreno

09-10-2020

https://corrierealpi.gelocal.it/belluno/cronaca/2020/10/08/news/capotreno-aggredita-da-due-stranieri-con-uno-spray-1.39396720

Capotreno aggredita alla fermata di Querovas da due nordafricani, i quali le hanno spruzzato in volto uno spray urticante, per poi prendere a sassate i vetri di una carrozza, prima di dileguarsi.

Momenti concitati nel tardo pomeriggio di ieri, mentre a bordo a del treno c’erano almeno una trentina di passeggeri: immediata la chiamata alle forze dell’ordine che, una volta giunte sul posto con una volante dei Carabinieri della stazione di Quero, sono salite a bordo per constatare quanto era accaduto, anche se dei due fuggitivi non era ormai rimasta traccia.

Due persone sospette sono poi state intercettate neanche un’ora dopo a bordo del treno successivo che era giunto a Feltre. I due sono stati condotti in caserma per ulteriori accertamenti.

Sono da poco passate le 18.30: a bordo del mezzo ci sono tanti pendolari, tra cui molti studenti e lavoratori che attendono di ritornare tranquilli a casa dopo una lunga giornata. La voce registrata annuncia la frase “prossima fermata stazione di Quero Vas”.

Ed ecco che in quel preciso istante si scatena l’inferno. In una delle carrozze ci sono due nordafricani, forse tunisini o algerini, carnagione olivastra, visibilmente alterati, che inveiscono da un po’ contro gli altri passeggeri, gridando di tutto. La capotreno li nota e si avvicina. La tensione cresce.

Entrambi, diversamente da tutti gli altri viaggiatori, sono senza mascherina protettiva, da indossare obbligatoriamente per via delle norme anti contagio. La capotreno li invita a metterla, ma loro non ci pensano neanche lontanamente, anzi.

Iniziano a prenderla di mira. Con coraggio la giovane non arretra, chiedendo ai due di scendere a Querovas. I due sembrano convincersi, non certo con pacatezza, avviandosi verso le porte che nel frattempo si sono loro spalancate davanti.

Il più giovane, tra i venti e venticinque anni, stando al racconto di alcuni testimoni, scende dalla scalette. Il secondo, con qualche anno in più, sulla quarantina, sembra imitare l’amico, ma all’improvviso estrae qualcosa dalla tasca, che si scoprirà poi essere una bomboletta di spray, puntandola contro il volto della capotreno e verso l’interno del vagone.

La donna urla, ma ha un riflesso fulmineo e prima che i due possano ritornare a bordo blocca le porte a chiama aiuto.

Al grido d’allarme i passeggeri le si avvicinano per soccorrerla, ma non è ancora finita. Non appagati del caos provocato, i due ingaggiano una battaglia a sassate contro il convoglio, scheggiandone un vetro, ma senza fortunatamente romperlo.

Dietro, i passeggeri assistono scioccati ed impotenti alla scena. «Abbiamo avuto paura», racconta una passeggera, «perché non siamo più sicuri neanche a viaggiare in treno. Quei due potevano anche estrarre un coltello e trasformare la vicenda in una tragedia. Non c’è sicurezza».

EVIDENZA

RSS Feed Widget

One comment on “Africani assaltano treno a sassate, terrore tra i passeggeri: spray urticante contro la capotreno

  1. mann333 ha detto:

    In simili circostanze se mettiamo nel treno si fossero trovati un paio di Uomini, intendo veri Uomini ( merce molto rara oggi in Italia ) a mettiamo che si fossero trovati su quel treno ed avessero cercato prima con dialettica ma non sorgendo alcun risultato fossero stati costretti a difendersi passando a maniere più forti. Nella collusione uno dei due fosse rimasto ucciso cosa sarebbe successo agli Italiani? Sicuramente “altruisti” buonisti praticamente IDIOTI si sarebbero sollevati dando dei fascisti a i due Italiani poi sicuramente avrebbero chiesto alla in-Giustizia di Condannare i due al mantenimento economico dei restanti famigliari etc. etc. Vedete come và male questo Paese diventato di merda negli ultimi 25-30 anni. Anzichè ringraziare i due ragazzi per il gesto altruista compiuto gli si và ad accusare di tutto e di più, incomprensibile.

Lascia un commento