Aggredisce bagnanti e poliziotti: non può essere espulso perché ha chiesto asilo

27-08-2019

http://trn-news.it/portale/index.php/calabria/item/13260-ecco-perche-tutti-i-migranti-scelgono-l-italia-che-pacchia

Catanzaro. Gli agenti della squadra volante hanno arrestato, nel quartiere Lido di Catanzaro, un giovane eritreo di 23 anni, G.T., accusato e di danneggiamento aggravato, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.

Lo straniero, che si trovava in uno stabilimento balneare, dopo aver rotto alcune sedie le ha lanciate sulla spiaggia mettendo in pericolo i bagnanti.

Immediatamente avvertiti, gli agenti lo hanno individuato e raggiunto all’interno del giardino antistante allo stabilimento balneare.

A nulla, però, è valso il tentativo di calmare il giovane che, per tutta risposta, si è scagliato contro i poliziotti con calci e pugni, dandosi poi ad una precipitosa fuga, per eludere il controllo.

Nonostante le sue azioni violente è stato immediatamente bloccato, con l’ausilio di una seconda pattuglia giunta sul posto e per lui sono scattate le manette.

Su disposizione del Pubblico Ministero, il 23enne è stato trattenuto nella camera di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida, nel corso della quale il Giudice ha convalidato l’arresto e lo ha rimesso in libertà.

Il ragazzo non può essere espulso perché, essendo eritreo, usufruisce di protezione internazionale.

EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento