Sputi, botte e minacce: straniero scatenato

21-09-2015

Ha sputato in faccia ad un commerciante e lo ha colpito con un espositore del negozio, poi ha picchiato un passante, minacciato una ragazza che lo voleva difendere e, per finire, ha scalciato anche contro due poliziotti intervenuti per fermarlo. Quelli vissuti tra le 19 e le 19,20 di domenica sera, in pieno centro città, da un diciannovenne residente a Mioglia, Morris Charlie Lee Freel, sono stati venti minuti di follia che gli sono costati l’arresto per resistenza a pubblico ufficiale.

Al ragazzo vengono anche contestate le accuse di lesioni, minacce, oltraggio e danneggiamenti. Secondo la ricostruzione della polizia, tutto è iniziato in Corso Italia: il diciannovenne, che aveva bevuto qualche bicchiere di troppo insieme ad amici, è entrato al “Libraccio” e, senza motivo, ha sputato in faccia al titolare colpendolo anche con un cartellone. Poi è andato in piazza Sisto: qui ha avvicinato un cittadino che era insieme ad amici e con un bimbo piccolo, e gli ha sferrato un pugno. Un gesto che ha suscitato la reazione di una ragazza che è intervenuta, ma, per tutta risposta è stata minacciata da Freel (“ti vengo a prendere e ti taglio la gola”). Nel frattempo è stato allertato il 113 e, all’arrivo della volante, il giovane ha continuato a dare in escandescenze scalciando contro gli agenti e l’auto di servizio. Ieri mattina il processo per direttissima: il giudice ha disposto per l’imputato, difeso dall’avvocato Alfonso Ferrara, una perizia psichiatrica e, in attesa della prossima udienza (il 5 ottobre) gli ha imposto gli arresti domiciliari.

http://www.lastampa.it/2015/09/21/edizioni/savona/botte-sputi-e-minacce-ai-passanti-in-corso-italia-3oZJjRLy1WeGCHz0CsqrWP/pagina.html

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, Savona

RSS Feed Widget

Lascia un commento