Cultura Rom: bambina venduta da un clan all’altro

24-08-2014

MARGHERA – Era tutto pronto. I genitori di lui e i genitori di lei. I fratelli e le sorelle di lui e i fratelli e le sorelle di lei. L’accordo era stato siglato. I soldi erano stati versati.

Solo lei non era pronta, la sposa-bambina, una quattordicenne rom che avrebbe dovuto convolare a nozze con un uomo molto più grande di lei, che lei non aveva scelto, che lei non voleva. E così si è ribellata.

Succede a Marghera ed è il secondo caso in due anni. Era Ferragosto del 2012, infatti, quando veniva alla luce la storia terribile di una sposa-bambina venduta dalla sua famiglia per qualche migliaio di euro. Si trattava di macedoni che attraverso il vincolo matrimoniale puntano ad accrescere la potenza del clan familiare. Il Tribunale ha tolto ai genitori la patria potestà e anche gli altri minori, in casa, potrebbero finire in comunità come la sposa-bambina.

http://www.corriereadriatico.it/ATTUALITA/sposa_bambina_venduta_clan_rom_marghera_mestre/notizie/861144.shtml

RelatedPost

EVIDENZA, Venezia

RSS Feed Widget

Lascia un commento