Reggio: nuovi scontri etnici tra nordafricani

05-06-2014

Ancora una violenta rissa in uno dei punti più caldi della città: l’angolo tra viale Piave, via Ceva, via Monsignor Tondelli. Dove da mesi un comitato di cittadini chiede attenzioni e interventi per risolvere i problemi di una convivenza diventata sempre più difficile.

Ad accendere nuovamente i riflettori sul quartiere, stavolta, è una lite scoppiata lunedì sera e che ha richiesto l’intervento di tre auto della polizia e un’ambulanza. A rimanere ferito è stato un 29enne.

Tutto è avvenuto nei pressi del Rotani Café. E’ da qui che è arrivata la prima chiamata al 113. A farla è stato un cittadino tunisino il quale, quando sul posto sono arrivati gli agenti, ha raccontato che il fratello già in preda agli effetti dell’alcol era stato picchiato da alcuni egiziani e poi quando questi si erano allontanati lui li aveva rincorsi.

Quando il giovane, un 29enne, è ritornato era chiaramente fuori controllo, a causa dell’eccessiva assunzione di bevande alcoliche. Al punto da scagliarsi contro i due fratelli che invano stavano cercando di calmarlo e da gettarsi letteralmente in mezzo alla strada, sfidando le auto in transito.

Data la situazione, è stato necessario richiedere l’intervento di un’ambulanza. Il personale medico, non senza fatica, è riuscito a caricare l’uomo e a trasferirlo al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria Nuova. Il suo stato confusionale non ha permesso di chiarire quello che gli era capitato poco prima. Aveva però una ferita nella regione lombare, con un’arma non meglio identificata.

Il 29enne è stato dimesso con una prognosi di 10 giorni. Ma gli accertamenti proseguono. Sono gli investigatori della Squadra mobile a lavorare sul caso: la polizia è convinta che lo scontro possa essere avvenuto per ragioni legate al mondo dello spaccio.

La rissa del 2 giugno viene dopo la rapina ai danni di una donna cinese, aggredita per rubarle il portafogli mentre rincasava. E dopo una serie di rapine di telefonini, messe a segno da una banda di banditi, poi finiti in manette. Qualche giorno fa, inoltre, ladri armati di piede di porco hanno fatto irruzione in un’abitazione di via Alai portando via 2.500 euro in contati.

«Ormai non ci stupiamo più di niente, ma siamo assolutamente determinati a riportare all’attenzione dell’amministrazione comunale la situazione di questo quartiere. Che negli ultimi tempi è tornata a peggiorare. Aspettiamo che la nuova giunta si formi». Così commenta l’accaduto Germana Tassoni, portavoce del comitato di cittadini che da anni denuncia una situazione sempre più insostenibile.

http://gazzettadireggio.gelocal.it/cronaca/2014/06/05/news/un-altra-rissa-nel-quartiere-a-rischio-1.9365033

La situazione è insostenibile, ma continuano a votare i soliti impresentabili.

RelatedPost

Crimini Immigrati, Reggio Emilia

RSS Feed Widget

Lascia un commento