Pestata a sangue da due Rom a uscita supermercato

22-02-2014

Rapina impropria in concorso. Questa l’accusa a carico di due pregiudicate che si sono rese responsabili di un violento atto di sopraffazione nei confronti di una donna di 44 anni che era appena uscita dal supermercato Lidl di via Avanzi a Gavardo.

Erano circa le 16 e 30 quando i militari di stanza a Gavardo sono stati allertati dalla Centrale operativa per un furto con destrezza.
La donna aveva denunciato di essere stata avvicinata da tre giovani nomadi che con una mossa fulminea le avevano sottratto il portafoglio dalla borsa.

Accortasi del furto, la vittima avrebbe tentato immediatamente di fermare le giovani che per tutta risposta, per garantirsi la fuga, l’avrebbero aggredita con calci e schiaffi, causandole lesioni giudicate guaribili in otto giorni dai medici dell’ospedale di Gavardo.

I Carabinieri gavardesi, col supporto dei colleghi del Radiomobile di Salò, si sono messi subito i cerca delle tre donne, sorprendendone due mentre tentavano di nascondersi tra le auto in sosta, lungo una via adiacente a quella del supermercato.
Le due nomadi fermate sono poi state riconosciute dalla vittima e arrestate.

Sono in corso accertamenti per identificare la terza complice e recuperare la refurtiva: un portafogli contente circa 600 euro in contanti.
Le due arrestate, di nazionalità bulgara, di 19 e 31 anni, entrambe nullafacenti, pluripregiudicate per reati specifici e senza fissa dimora in Italia, sono finite nel carcere di Verziano a disposizione dell’autorità giudiziaria.

http://www.vallesabbianews.it/notizie-it/Derubata-e-picchiata-27450.html

Brescia, EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento