Genova: donna sequestrata e stuprata per 3 giorni da clandestino

13-10-2013

burlando_funghi

Burlando, governatore ligure ha aderito alla campagna contro la Bossi-Fini: “perché i clandestini sono nostri fratelli”

Genova, 13 ott. – Una donna di 36 anni è stata sequestrata e violentata per tre giorni da un pregiudicato senzatetto marocchino, all’interno di un capannone abbandonato in via Ronchi, nel ponente di Genova. La donna e’ stata visitata al pronto soccorso dell’ospedale Galliera, dove le sono stati riscontrati numerose ecchimosi e segni di violenza. E’ stata trattenuta per ulteriori accertamenti. La prognosi iniziale e’ di dieci giorni.
L’uomo e’ stato rintracciato e arrestato con le accuse d violenza sessuale e sequestro di persona.
La vittima delle violenze, venezuelana ha raccontato che conosceva il marocchino e che l’uomo l’avrebbe invitata “a casa sua” in via Ronchi. Il 7 ottobre scorso avrebbe preso il bus della linea 1 per raggiungere l’uomo. Sul mezzo sarebbe stata avvicinata da una donna ecuadoriana risultata essere amica del marocchino che l’avrebbe convinta delle buone intenzioni del suo amico. Lei sarebbe poi stata accompagnata nel capannone dove sarebbe rimasta tre giorni contro la sua volonta’ La fuga sarebbe avvenuta quando il marocchino l’avrebbe obbligata ad accompagnarlo in un negozio per la riparazione di un cellulare. La donna ha raggiunto il pronto soccorso dell’ospedale dove ha riferito l’accaduto ai poliziotti di turno al posto fisso che hanno immediatamente fatto scattare le ricerche del marocchino.

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, EVIDENZA, Genova

RSS Feed Widget

Lascia un commento