‘Femminicidio’: lesbica massacra di botte la ‘compagna’

12-08-2013

Lei vuole lasciare la casa, la sua ‘compagna’ la aggredisce col coltello

Nelle prime ore di domenica, i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Mestre hanno arrestato R.L.M., 22enne di origini brasiliane, regolarmente residente in Italia, responsabile di lesioni personali e sequestro di persona. In piena notte, una pattuglia è stata inviata dalla centrale operativa a Favaro Veneto, a seguito della segnalazione di un’accesa lite all’interno di un appartamento privato.

FERITA AL VOLTO – Immediatamente l’attenzione dei militari, una volta riusciti ad entrare – non senza fatica – dentro l’appartamento, è stata attirata da una donna italiana, che – sporca di sangue e con lacerazioni alle guance – era in compagnia di una donna straniera in evidente stato di alterazione, parzialmente dovuta all’abuso di sostanze alcoliche. La straniera è risultata essere la responsabile dell’aggressione subita dalla malcapitata ferita, avvenuta a seguito di una furibonda lite, come riscontrato dai segni inequivocabili sparsi per tutta la casa, quali suppellettili rotte ed un coltello da cucina spezzato in due e sporco di sangue.

LITE PASSIONALE – Vista la gravità della situazione, gli operanti hanno provveduto ad allertare immediatamente il personale sanitario, arrivato subito dopo, per il trasporto della ferita presso l’ospedale dell’Angelo, mentre l’altra donna è stata trattenuta e condotta in caserma. Qui è potuta avvenire la ricostruzione dei fatti effettuata dai militari, con notevole difficoltà, in virtù della rapidità degli eventi e del contesto e della riluttanza della fermata, al termine della quale si è potuto appurare che, al culmine di una lite – in un contesto di ubriachezza – è scoppiata una vera e propria aggressione. A causare lo scoppio di rabbia sarebbe stata la decisione dell’italiana di lasciare l’appartamento. Tra le due donne, infatti, era da tempo nata una relazione sentimentale piuttosto turbolenta e la decisione, presa dalla vittima dell’aggressione, di lasciare la casa aveva scatenato un ferocissimo attacco di gelosia nell’altra ragazza, che ha quindi cercato in tutti i modi di impedire la partenza, arrivando all’aggressione fisica. La situazione è poi degenerata nel momento in cui la donna ha brandeggiato un coltello da cucina dirigendo fendenti verso il volto dell’altra e colpendola più volte e con tale violenza da provocare lesioni permanenti.

Potrebbe interessarti: http://www.veneziatoday.it/cronaca/aggressione-donna-cotello-tagli-feriti-volto-favaro-veneto.html

A breve, ‘coppie’ del genere potranno chiedere il ‘ricongiungimento’ del partner ‘migrante’. Lo vuole la ‘società civile’.

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento