Coppie miste: strangolata da senegalese in Spagna, condanna ridicola

06-06-2013

negrolanzaroteColpevole per tutti i reati, omicidio e vilipendio. È questa la sentenza scaturita nella mattinata di giovedì 6 giugno dal processo in corso sull’isola di Lanzarote, in Spagna,a carico di Mor Ndao, il 33enne senegalese accusato di aver ucciso la sua compagna Mara Serighellli, 36enne di Osio Sotto, nella notte del 12 ottobre 2011.

La parte civile ha abbassato la richiesta di condanna a 20 anni e 5 mesi (quella massima era di 25 anni per reati del genere). È arrivato il verdetto di colpevolezza, ma l’entità della pena non è stata ancora fissata. Si è in attesa della decisione.

Mao Ndao si era costituito alla Guardia Civil la mattina dopo aver ucciso la compagna e agli inquirenti aveva confessato di aver compiuto il gesto in un momento di follia causato della gelosia. Tesi che ha confermato lunedì 3 giugno indicando anche l’identità del suo presunto rivale in amore.

Quest’ultimo, sentito come testimone, ha però smentito di aver avuto una relazione con la 36enne, era soltanto di un’amicizia di vecchia data. Per la pubblica accusa si tratta di omicidio volontario aggravato che prevede 25 anni come pena massima.

Mara Serighetti era stata aggredita dal compagno, nella casa che i due condividevano a Rociega di Puerto del Carmen e in cui viveva anche la piccola Yacine (che ora ha tre anni), e strangolata con un cavo metallico plastificato.

http://www.ecodibergamo.it/stories/Homepage/380859_copia_di_uccise_la_compagna_a_lanzarote_a_processo_ora_rischia_25_anni/

Anche in Spagna pene ridicole. Comunque, chi è causa del suo male…

RelatedPost

EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento