Immigrato fa irruzione in associazione xenofila: “voglio più soldi”, al rifiuto pesta 4 carabinieri

04-05-2013

Agrigento 04 mag 2013 – Nigeriano aggredisce e ferisce, facendoli finire in ospedale, quattro carabinieri della stazione di Racalmuto, fra i quali il comandante della caserma e il suo “secondo”. L’extracomunitario è stato arrestato. L’aggressione si è verificata nel tardo pomeriggio di ieri. L’immigrato, assieme alla moglie, e spalleggiato da un altro connazionale, si sarebbe dapprima presentato dai responsabili dell’associazione Acquarinto perché reclamava il pagamento del cosiddetto pocket money, pare pretendesse con minacce molti più soldi di quelli concordati. Cosi il responsabile dell’associazione si è recato in caserma per sporgere denuncia. All’uscita dalla caserma del responsabile è scoppiato l’inferno. I Carabinieri, in cerca di tutelare il responsabile dell’associazione hanno cercato di allontanare il nigeriano facendolo ragionare. A questo punto, il nigeriano ha incominciato ad aggredire, picchiando i militari che hanno riportato costole inclinate, lussazioni di spalle, ematomi ed altri traumi. Si è reso necessario l’arrivo della Tenenza di Canicattì nonché un’autoambulanza.

http://www.canicattiweb.com/2013/05/04/racalmuto-aggredisce-4-carabinieri-arrestato-un-nigeriano/

In base a quanto risulta dall’articolo seguente, l’associazione in questione si occuperebbe di “profughi” (richiedenti asilo e rifugiati), il nome moderno utilizzato per definire i clandestini:

Domani mattina, martedi’ 11 dicembre, ad Agrigento, al Palazzo Filippini, alle ore 10, l’ Associazione culturale Acuarinto, presieduta da Donato Notonica, presentera’ alla stampa e alla citta’ l’edizione 2012 del Black’s Christmas, in programma tra Agrigento, Santa Elisabetta, Favara e Racalmuto, nell’ ambito dei progetti attivi di accoglienza in provincia di Agrigento della Rete nazionale di protezione dei richiedenti asilo e rifugiati. (10.12.2012)

http://www.teleacras.com/home_02/index.php?option=com_content&task=view&id=32627

 

RelatedPost

EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento