Terrore: banda di immigrati sequestra famiglia, padre pestato davanti bimbi 9 mesi

28-04-2013

Caserta – Una rapina stile arancia meccanica è stata messa a segno l’altra notte in un’abitazione di Cervino

Oltre tre ore di paura e torture. Vittima delle violenze un uomo, picchiato davanti alla moglie e alle figlie, due gemelline di appena nove mesi.
Nella tarda serata di venerdì, cinque banditi dal marcato accento dell’est, hanno preso in ostaggio una famiglia. Come ricostruito dagli inquirenti sembra che conoscevano bene i luoghi e la vittima: cercavano le armi che la famiglia, secondo le loro informazioni, avrebbe dovuto custodire all’interno dell’abitazione.

Un colpo mirato. Ma volevano anche soldi, preziosi e soprattutto oro. Le armi, però, non c’erano nonostante il porto d’armi. Al diniego hanno reagito nel modo più scomposto e violento possibile colpendo l’uomo ripetutamente con il calcio della pisola alla testa. Ferite che gli sono valse numerosi punti di sutura.

Poi è andata in scena, tra le grida della moglie e il pianto delle bambine, tutte e tre rinchiuse nel bagno, l’ispezione dell’abitazione. Gli aggressori sono entrati nella casa incappucciati e con guanti di lattice per non lasciare impronte. Secondo le prime ricostruzioni, la terribile incursione ha fruttato solo pochi oggetti in oro e soldi in contanti.

http://www.ilmattino.it/caserta/caserta_cervino_arancia_meccanica/notizie/273769.shtml

Related Post

Related Post

Uncategorized

RSS Feed Widget

Lascia un commento