Zingari seviziano due senzatetto per ore

08-04-2013

ROMA – Ieri sera, al termine delle serrate indagini scattate subito dopo l’aggressione del clochard, i carabinieri della stazione di Ostia hanno rintracciato e sottoposto a fermo, per sequestro di persona, rapina e lesioni aggravate, due fratelli romeni di 25 e 23 anni.

Sarebbero loro gli autori della feroce aggressione avvenuta ieri mattina in una baracca nella pineta di Castel Fusano. I due giovani, con altri 3 connazionali in corso d’identificazione, hanno aggredito due clochard italiani all’interno della loro baracca nella pineta di Castelfusano, seviziandoli per ore e lasciandoli infine esanimi, dopo averli anche privati delle poche cose possedute.

Verso le 7 di ieri le due vittime, ripresi i sensi, sono riuscite a raggiungere via Cristoforo Colombo e a chiedere aiuto ad un passante che ha lanciato l’allarme al «112». I due clochard italiani sono tuttora ricoverati all’ospedale «G.B. Grassi» di Ostia, per fratture e contusioni varie, con prognosi di oltre 30 giorni; i due fermati dai Carabinieri sono stati tradotti al carcere romano di «Regina Coeli».

Stanotte, invece, i carabinieri del Gruppo di Ostia e del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato altri 6 cittadini stranieri, moldavi e romeni, resisi autori di un altro prolungato sequestro di persona a scopo di rapina ai danni di un romeno 35enne residente all’Infernetto, in via Gaspare Scuderi.

Nella serata di ieri, i sei uomini hanno avvicinato la vittima, conosciuta da alcuni di loro, in prossimità della sua abitazione. Sono scattate subito le violenze ed il 35enne è stato costretto a consegnare loro del denaro e a seguirli a bordo di una delle loro autovetture per pagare le loro consumazioni in un tour di locali. Dopo aver subito ulteriori e gravi atti di violenza, verso le 3.00, l’uomo è stato condotto in un parcheggio della stazione metropolitana di Acilia, completamente in balìa di due dei suoi aguzzini, ormai ubriachi; lì, approfittando diun loro momento di distrazione, è riuscito a fuggire e a lanciare l’allarme. Una pattuglia di carabinieri ha raggiunto l’uomo, riuscendo a bloccare i due carcerieri; un’altra pattuglia ha invece intercettato la macchina con gli altri quattro a bordo.

La vittima, che ha riportato gravissimi traumi facciali, è stata ricoverata al pronto soccorso dell’ospedale Grassi di Ostia. I suoi aggressori, invece, saranno associati al carcere romano di Regina Coeli.

RelatedPost

EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento