Verbania, osa rifiutare sigaretta: immigrati lo sfigurano

13-03-2013

A gente come questa il Pd vuole svendere la cittadinanza

VERBANIA – «Mi hanno chiesto una sigaretta, ma non ho fatto in tempo a rispondere. Mi è arrivata una testata sul naso che mi ha tramortito». Luca Moriggia, 17 anni di Arizzano, è stato sfigurato a pugni e calci mentre si apprestava a trascorrere il sabato sera con gli amici in uno dei tanti pub del centro storico di Intra. A picchiarlo un gruppo di cinque stranieri, due bulgari e tre marocchini, tutti ragazzi che non hanno ancora la maggiore età. La loro ultima bravata risale a due sabati fa in via San Vittore dove i giovani dopo le 22 si concentrano in attesa di entrare nei pub. Luca camminava con alcuni amici e all’improvviso sono volati pugni, calci, testate. Risultato: due denti rotti e altri danneggiati, una ferita sulla fronte, un volto gonfio impressionante. Prognosi: 15 giorni, ma forse non basteranno. Racconta il ragazzo: «Quando siamo arrivati nei pressi della profumeria Spanò, ho visto che cinque ragazzi venivano verso di noi. Uno mi ha chiesto una sigaretta e ho risposto che non l’avevo. Lui, però, ha insistito. Stavo tentando di ribadire che non fumo quando mi è arrivata una testata sul naso. Ho cercato di reagire con due pugni, ma lui mi ha colpito due volte e sono finito a terra. Pensavo che tutto fosse finito e invece mentre stavo rialzandomi ho sentito una forte ginocchiata in bocca. In quel momento mi sembrava avesse spaccato tutti i denti». Aggiunge: «Ha picchiato soltanto uno, ma gli altri lo spalleggiavano. Anche se non hanno mosso un dito sono ugualmente responsabili. Io non avrei mai permesso a un mio amico di comportarsi in quel modo, lo avrei fermato subito. La sigaretta è stata un pretesto per picchiare, altrimenti avrebbero potuta chiederla ai miei amici». Luca è stato portato al pronto soccorso dal padre che ha pure denunciato i cinque ai carabinieri. In queste ore sono in corso le procedure per identificarli. Potrebbero essere gli stessi che hanno picchiato altri due ragazzi: un sedicenne è stato gonfiato di botte alla fermata degli autobus davanti al vecchio imbarcadero di Intra. Anche in quel caso avevano chiesto una sigaretta e al diniego erano volati pugni.

http://edizioni.lastampa.it/vco/articolo/lstp/36671/

RelatedPost

Uncategorized

RSS Feed Widget

Lascia un commento