Picchiato e sequestrato in casa da una banda di immigrati

10-02-2013

Effetto sanatoria

VICENZA – Picchiato e sequestrato nella sua villa per una catenina d’oro. E’ accaduto ieri sera a Brendola, Vicenza, nella frazione di San Vito, una zona isolata nel cuore del bosco.

Ampelio Ziggiotto, 60 anni, imprenditore titolare della “Autobren srl”, azienda produttrice di macchinari per la nettezza urbana, si trovava solo all’interno della sua villa quando veniva affrontato da due sconosciuti con accento dell’Est Europa introdottisi nell’abitazione, con volto coperto da passamontagna ed indossanti guanti.

Dopo avergli legato le mani con fascette in plastica, gli chiedevano l’ubicazione della cassaforte. Convinti dalle affermazioni della vittima, che ne negava l’esistenza, l’hanno colpito con un calcio allo sterno ed asportandogli una collanina in oro che indossava. Si sono allontanati a piedi dopo aver tentato di danneggiare la consolle dell’impianto di videosorveglianza. Ziggiotto, che non ha riportato gravi lesioni, riusciva a liberarsi dopo 2 ore dando l’allarme. Indagini in corso. Sul posto i carabinieri di Brendola con il comandante di stazione e le autoradio del nucleo radiomobile di vicenza.

http://www.vicenzatoday.it/cronaca/rapina-sequestro-villa-vicenza.html

RelatedPost

Uncategorized

RSS Feed Widget

Lascia un commento