Padova: la “ronda” blocca e fa arrestare due ladri

03-02-2013

SANT’ANGELO DI PIOVE. Da oltre un anno personalmente facevano i turni durante la notte per cercare di arginare il dilagare dei furti nella propria azienda. A tanto sono arrivati i titolari della “Toniatti Autodemolizioni” di via San Polo, esasperati dai continui saccheggi da parte di ignoti perpetrati nelle ore notturne. Tanta pazienza ma pochi risultati, visto che le notti insonni non avevano portato a nulla.

Fino all’altra sera almeno, quando la famiglia Toniatti è riuscita a cogliere sul fatto tre persone e ad aiutare i carabinieri della Radiomobile di Piove di Sacco ad arrestarne due. In manette alla fine sono finiti un ragazzo rumeno di 21 anni e un diciottenne moldavo, entrambi residenti in zona. Un terzo complice è riuscito invece a fuggire a piedi, dileguandosi nella campagna circostante. «Quasi tutte le notti» racconta Marino Toniatti, uno dei titolari, «qualcuno entra nel piazzale per rubare qualcosa. Ruote, pezzi di ricambio spariscono con regolarità». In genere i ladri entrano nella proprietà tagliando la rete che circonda l’ampia area del piazzale. Per questo Marino, il fratello Gian Antonio e i rispettivi figli, la notte si alternano a fare la guardia. Più volte hanno intravisto figure muoversi nell’ombra, ma mai erano riusciti a individuarle perché riuscivano sempre a darsela a gambe. Non l’altra notte.

«Intorno alle 23» continua Marino Toniatti «abbiamo visto tre persone scavalcare il cancello principale. Abbiamo così subito chiamato i carabinieri che in un attimo sono arrivati sul posto». E così nell’oscurità, tra le carcasse delle auto da demolire, giocando al gatto con il topo, le forze dell’ordine, con il supporto dei Toniatti, sono riuscite ad ammanettare due degli intrusi. Un terzo è riuscito invece a fuggire saltando la rete di recinzione. Nella concitazione e nel fango dei campi è riuscito persino a perdere le scarpe.

A poche centinaia di metri dall’azienda è stata ritrovata un’auto abbandonata che risulta in uso a un moldavo. Probabilmente si tratta del fuggitivo. L’auto è ora sotto sequestro e si trova in custodia proprio in via San Polo. Chissà se qualcuno verrà a reclamarla. «Abbiamo dovuto organizzarci da soli» commenta amaramente Marino Toniatti «ma bisognerebbe che ci fosse da parte delle autorità un maggiore controllo e fosse garantita più sicurezza». I ragazzi finiti in manette, dopo essere stati condotti in caserma per la denuncia di tentato furto in concorso, sono stati rilasciati.

Link  Articolo: http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2013/02/02/news/ronda-notturna-nell-autodemolizione-arrestati-due-ladri-1.6461146

RelatedPost

Uncategorized

RSS Feed Widget

Lascia un commento