Cancro cinese a Prato/2: tutti in nero e sei su sette clandestini in “azienda” tessile cinese

03-02-2013

Sequestrato magazzino di cinesi a Tavola

Sei clandestini su sette operai identificati, nessuno dei quali era in regola dal punto di vista previdenziale e contributivo. E’ quanto scoperto dalla squadra interforze coordinata dai carabinieri della Stazione di Iolo che, insieme alla polizia municipale e agli altri enti, ha eseguito in settimana controlli a Tavola all’interno di un magazzino annesso a civile abitazione.
Gli immobili sono risultati in uso a ditta di confezione di abbigliamento gestita da imprenditrice di nazionalità cinese che utilizzava il magazzino ad uso produttivo e l’attigua abitazione come alloggio per i lavoranti. La proprietaria degli edifici, anch’essa cittadina cinese, risiede con la propria famiglia nella stessa casa che è risultata di fatto frazionata in due distinte porzioni. Il magazzino, originarimente di piccole dimensioni, è stato ampliato abusivamente mediante la costruzione di un manufatto in muratura allestito con cucitrici mentre la casa è stata completamente tramezzata al fine di ricavare ulteriori vani ad uso dormitorio. La proprietaria dei fabbricati si è riservata un’unica stanza della casa che ha resa autonoma con la creazione di un bagno abusivo delimitato da pannelli coibentati e scarichi non regolamentari, suddividendola ulteriormente in due angusti vani dormitorio e, addirittura, in un laboratorio allestito con cinque cucitrici in condizioni igienico-sanitarie inesistenti. Nelle stanze l’odore era nauseabondo e la quantità di materiale ammassato impediva sia di accedere all’interno dei vari cubicoli che di permanervi.Ca
Sono stati sequestrati gli immobili abusivi ed i 25 macchinari complessivamente rinvenuti mentre l’attività imprenditoriale è stata immediatamente sospesa da parte degli Ispettori del Lavoro.
La polizia municipale ha inoltre eseguito controlli amministrativi presso laboratori di confezione in zona Badie riscontrando irregolarità nell’azionamento dei macchinari e violazioni per circa 9.000 euro con conseguente sequestro di 80 cucitrici.

Link Articolo: http://www.notiziediprato.it/2013/02/sequestrati-magazzino-e-asa-a-tavola-a-nero-tutit-e-sette-gli-operai-sei-erano-anche-clandestini/

RelatedPost

Uncategorized

RSS Feed Widget

Lascia un commento